@trentaminuti > Storia > Fatti ed eventi storici > Papa Formoso, protagonista suo malgrado del macabro “Concilio cadaverico”

Papa Formoso, protagonista suo malgrado del macabro “Concilio cadaverico”

Papa Formoso, protagonista suo malgrado del macabro “Concilio cadaverico”

Il 4 aprile dell’896 moriva papa Formoso, che sarebbe suo malgrado passato alla storia, più che per quello che aveva fatto in vita, per quanto gli sarebbe successo da morto, visto che la sua salma, a nove mesi dal decesso, sarebbe stata al centro del famigerato “Synodus horribilis“, altrimenti detto “Concilio cadaverico“. La principale fonte che ci relaziona su questa truce vicenda è la monumentale “Storia della Città di Roma nel Medioevo”, scritta nell’Ottocento dallo storico tedesco Ferdinand Gregorovius.

Responsabile del lugubre show fu il successore di Formoso, papa Stefano VI, eletto grazie al partito degli “Spoletini”, i sostenitori cioè dell’allora duca di Spoleto Lamberto e di sua madre, l’intrigante Ageltrude, pronti a tutto pur di contendere ad Arnolfo di Germania il titolo imperiale.

Le imputazioni contro Papa Formoso

Ai loro occhi la colpa di Formoso consisteva nell’aver incoronato imperatore proprio il tedesco Arnolfo al posto di Lamberto, con ciò attirandosi le ire di quest’ultimo, di sua madre e dei loro numerosi “fans”, che si vendicarono non appena Arnolfo fu rientrato in Germania dopo quella che era stata la prima campagna militare di un sovrano tedesco in terra d’Italia, condotta per liberare Formoso, asserragliatosi in Castel Sant’Angelo, dai ribelli che volevano sbarazzarsi di lui. Il pontefice tuttavia, dopo essere stato tratto in salvo dai tedeschi, ebbe appena il tempo di porre la corona imperiale sul capo di Arnolfo per poi spegnersi poche settimane più tardi, per lo stress e le privazioni subite durante quei giorni terribili.

Potrebbe interessarti: Giulio II, al secolo Giuliano della Rovere: breve biografia del Papa terribile

Il processo al cadavere del Pontefice

Il nuovo papa Stefano VI, cedendo alle pressioni dei suoi grandi elettori, nel gennaio dell’897 indisse dunque lo scellerato sinodo che vide come protagonista il cadavere di Formoso: dissotterrato, rivestito con tutti i paramenti papali e trasportato nella Basilica Laterana esso fu in questo luogo sottoposto a giudizio, con la difesa affidata ad un giovane diacono balbettante.

La pubblica accusa invece fu sostenuta dal papa in persona che nel corso di una grottesca arringa sciorinò uno dopo l’altro i vari capi d’imputazione nei confronti del morto, fra cui il principale si riassumeva nella domanda seguente: “Perché hai usurpato la sede apostolica per ambizione, tu che prima eri vescovo di Porto?” A quei tempi infatti era proibito per un vescovo trasferirsi da una diocesi all’altra e di conseguenza, almeno formalmente, l’elezione di Formoso, passato dalla diocesi di Porto (l’antica Ostia) a quella di Roma, sarebbe risultata canonicamente invalida.

Papa Formoso: “nulla da dichiarare”

Constatato che al cospetto di tanti cardinali, vescovi ed alti prelati la povera salma a propria difesa, ovviamente, non ebbe nulla da dichiarare, né tanto meno il suo spaurito difensore riuscì a profferire parola, quel che rimaneva del defunto fu dichiarato colpevole e condannato. Contestualmente alla scomunica al cadavere furono recise le tre dita della mano destra usate per impartire le benedizioni, fu spogliato dei paramenti sacri ed infine gettato nel Tevere fra le urla della plebaglia, sempre eccitata da spettacoli del genere.

I poveri resti di Formoso furono poi fortunosamente recuperati venti miglia più a valle da un monaco che li nascose fino alla morte di Stefano. Quest’ultimo non sopravvisse di molto a quello scandalo perché nell’autunno successivo, al culmine di un’insurrezione popolare fomentata dal partito filo-tedesco e dai tanti che, avendo ancora una coscienza, erano rimasti traumatizzati da quell’orrendo spettacolo, fu catturato, incarcerato e strangolato senza tanti complimenti. Al contrario, la figura di papa Formoso fu completamente riabilitata nell’898 al termine di un apposito Sinodo indetto da Giovanni IX.