@trentaminuti > Salute e benessere > I richiami alimentari del 2017 > Pasta con oli minerali dal Kazakhstan, allerta in Europa

Pasta con oli minerali dal Kazakhstan, allerta in Europa

pasta con oli minerali

Un importante allerta alimentare proviene dal RASFF, si tratta di pasta contaminata con oli minerali. L’agenzia europea con nota n. 2017.2164 del 18 dicembre 2017 ha diramato l’avviso. Non è stato ancora definito il livello di rischio per la salute ma è stato disposto il ritiro dal mercato dell’alimento. La pasta con oli minerali prodotta in  Kazakhstan, nonostante sia considerata pericolosa per la salute, è stato distribuita in molti paesi dell’Europa.

Questo caso rientra nei tipi di contaminazione chimica industriale. I prodotti nocivi rilevati al campionamento sono:

  • nel cibo: 39 mg/kg MOSH e 2 mg/kg MOAH;
  • nei pacchi di imballo: 220 mg/kg MOSH and 11 mg/kg MOAH.

Le verifiche sono state condotte il 4 settembre 2017 mentre l’allerta è stato diramato il 18 dicembre 2017. Nonostante sia stato disposto il richiamo del prodotto, considerato il periodo trascorso dalle analisi all’allerta, può essere che la pasta contaminata da oli minerali sia già stata acquistata. È possibile che si tratti di alimenti presenti prevalentemente nei mercati discount. Si invitano i consumatori a verificare l’area di provenienza della pasta che posseggono e, nel caso fosse il Kazakhstan, si suggerisce di non consumarla.

Pasta con oli minerali dal Kazakhstan: i paesi dove è distribuita

Questa vicenda assume importanza proprio per la diffusione del prodotto nocivo. La pasta contaminata con oli minerali proviene dal Kazakistan ed è stata distribuita in mezza Europa. In particolare sarebbe presente in Belgio, repubblica Ceca, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Olanda, Spagna, Svizzera e Gran Bretagna. Non si è a conoscenza né dei lotti inquinati, né della marca e né del formato con la quale è distribuita. L’attenzione va posta sull’etichettatura che necessariamente deve riportare il paese di produzione. Nel caso fosse il Kazakhstan si suggerisce di non consumarla e distruggerla.

Potrebbe interessarti: Olio di sesamo tostato ritirato dal commercio per idrocarburi aromatici sopra i limiti

Pasta con oli minerali dal Kazakhstan: i rischi per la salute

Gli agenti chimici contaminati sono il MOSH e il MOAH. Si tratta di oli minerali generalmente presente nei cartoni di confezionamento della pasta e negli inchiostri per stampigliare l’etichettatura, da li  si insinuano nell’alimento inquinandolo. Sono entrambi agenti dannosi alla salute. A secondo delle concentrazioni e delle condizioni ambientali in cui risiedono possono assumere diversi livelli di tossicità. Da evidenze scientifiche non sarebbero considerati cancerogeni ma solo tossici.

I consumatori sono invitati a controllare nelle loro credenze se posseggono pasta prodotta nel Kazakhstan e, nel caso, disfarsene.