@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > Piero della Francesca: breve biografia artistica di un grande pittore rinascimentale

Piero della Francesca: breve biografia artistica di un grande pittore rinascimentale

Piero della Francesca: breve biografia artistica di un grande pittore rinascimentale
La resurrezione di Cristo di Piero della Francesca

Con la potenza di un guerriero che ha appena trionfato dopo uno sconto all’ultimo sangue, Cristo s’impone in tutta la sua determinazione: il suo volto è l’icona della sofferenza e del dolore, ma pur essendo stato oltraggiato, spogliato e crocifisso eccolo ergersi dal sepolcro, sul quale con un gesto poderoso appoggia il piede sinistro a simboleggiare la sconfitta della morte.

L’eloquenza della sua figura, al tempo stesso divina ed umana, si manifesta nell’anatomia di un corpo forte e ben definito, la cui vittoriosa verticalità è sottolineata dalla linea retta che dal naso, attraverso la scanalatura del costato, scende sino al ventre, oltre che dalla forza con cui impugna il vessillo della Santa Croce. Il Cristo risorto nel bel mezzo dell’affresco delimita il confine fra l’inverno spoglio e desolato della morte, rappresentata dal paesaggio brullo di sinistra, e la primavera della vita che appare sulla destra del dipinto.

Nel giorno di Pasqua, la “Resurrezione di Cristo” di Piero della Francesca è un’opera che meglio e più di tante altre ci trasmette il significato ed il mistero della principale solennità del Cristianesimo. Fu realizzata attorno al 1450 dal Maestro su commissione dei maggiorenti del suo borgo natale, che si chiamava per l’appunto Borgo San Sepolcro (odierna Sansepolcro), i quali così vollero ricordare la fondazione della loro città per custodire le reliquie del Santo Sepolcro.

Mastro Piero vi era nato fra il 1410 ed il 1420, ma in verità si firmava “Petrus de Burgo” perché l’appellativo “della Francesca” (che era poi il nome della sua nonna paterna) gli fu affibbiato probabilmente dai compaesani per distinguerlo dai tanti altri “Pietro” che popolavano quella cittadina di circa 4000 anime. Situato in una posizione geografica strategica fra Toscana, Marche, Romagna ed Umbria, ma anche sulla strada per Roma, quel Borgo era il crocevia dei ricchi traffici commerciali che avevano fatto la fortuna dei suoi abitanti fra i quali anche Benedetto, che di Piero era il babbo ed avrebbe voluto fare del figlio un mercante pure lui.

Ma la passione del ragazzo era la pittura, manifestatasi sin da giovanissimo in una sorta di “iniziazione araldica” con la raffigurazione su alcuni palazzi cittadini di bandiere e degli stemmi nobiliari di chi ci abitava. Al 1439, più o meno al tempo della cessione del Borgo dal Papa a Firenze, risale il primo documento attestante la presenza del giovane Piero nel capoluogo toscano, per quella che fu la sua prima trasferta “extra moenia”, a lavorare come aiuto del pittore Domenico Veneziano.

Potrebbe interessarti: Il Pontormo, al secolo Jacopo Carucci: breve biografia di un grande artista

Ciò gli consentì di impregnarsi di una cultura figurativa che recava i nomi dei vari Pisanello, Masolino da Panicale, Masaccio, Filippo Lippi, Paolo Uccello e Beato Angelico, tutti rappresentanti della prima generazione del Rinascimento italiano, che con le loro tecniche artistiche si confrontavano davanti agli occhi di un adolescente.

Dalle pitture di frate Angelico in particolare il nostro comprese i misteri dell’uso della luce, che riuscì poi a trasformare in poesia nelle proprie opere, sempre realizzate facendo attenzione a “dare i colori commo nelle cose se dimostrano, chiari et obscuri secondo che i lumi li devariano”.
Così anche lui, dopo “aver sciacquati i panni in Arno” (come qualche secolo più tardi per altri versi avrebbe fatto il Manzoni), era pronto per affrontare i suoi capolavori, chiamato dalle più importanti Corti italiane dell’epoca.

Pesaro, Rimini, Ferrara, la Roma del papa umanista Pio II, ma soprattutto la Urbino dei Montefeltro lo avrebbero visto assiduamente all’opera nella realizzazione di opere straordinarie fra le quali ricordiamo, per esempio, il “Dittico dei duchi di Urbino”, la “Madonna col Bambino, sei santi ed il duca Federico da Montefeltro”, il “Polittico di Sant’Agostino”, la “Madonna col Bambino in trono e quattro angeli”, il “Polittico della Misericordia”, la “Madonna del Parto”, il “Ritratto di Sigismondo Pandolfo Malatesta” e molti altri.

Il suo testamento artistico e spirituale tuttavia è costituito dal magnifico ciclo di affreschi raffiguranti la “Storia della Vera Croce” realizzati nella Basilica aretina di San Francesco fra il 1452 ed il 1466. Peccato che un Maestro che del sapiente uso della luce e dei colori fece il motivo della sua vita artistica, sia poi morto vecchio e condannato ad un’infelice cecità il 12 ottobre del 1492, nel giorno in stesso in cui, al di là dell’oceano, Colombo scopriva il Nuovo Mondo.

Con la potenza di un guerriero che ha appena trionfato dopo uno sconto all’ultimo sangue, Cristo s’impone in tutta la sua determinazione: il suo volto è l’icona della sofferenza e del dolore, ma pur essendo stato oltraggiato, spogliato e crocifisso eccolo ergersi dal sepolcro, sul quale con un gesto poderoso appoggia il piede sinistro a simboleggiare la sconfitta della morte.

L’eloquenza della sua figura, al tempo stesso divina ed umana, si manifesta nell’anatomia di un corpo forte e ben definito, la cui vittoriosa verticalità è sottolineata dalla linea retta che dal naso, attraverso la scanalatura del costato, scende sino al ventre, oltre che dalla forza con cui impugna il vessillo della Santa Croce.

Il Cristo risorto nel bel mezzo dell’affresco delimita il confine fra l’inverno spoglio e desolato della morte, rappresentata dal paesaggio brullo di sinistra, e la primavera della vita che appare sulla destra del dipinto. Nel giorno di Pasqua, la “Resurrezione di Cristo” di Piero della Francesca è un’opera che meglio e più di tante altre ci trasmette il significato ed il mistero della principale solennità del Cristianesimo.

Fu realizzata attorno al 1450 dal Maestro su commissione dei maggiorenti del suo borgo natale, che si chiamava per l’appunto Borgo San Sepolcro (odierna Sansepolcro), i quali così vollero ricordare la fondazione della loro città per custodire le reliquie del Santo Sepolcro. Mastro Piero vi era nato fra il 1410 ed il 1420, ma in verità si firmava “Petrus de Burgo” perché l’appellativo “della Francesca” (che era poi il nome della sua nonna paterna) gli fu affibbiato probabilmente dai compaesani per distinguerlo dai tanti altri “Pietro” che popolavano quella cittadina di circa 4000 anime.

Situato in una posizione geografica strategica fra Toscana, Marche, Romagna ed Umbria, ma anche sulla strada per Roma, quel Borgo era il crocevia dei ricchi traffici commerciali che avevano fatto la fortuna dei suoi abitanti fra i quali anche Benedetto, che di Piero era il babbo ed avrebbe voluto fare del figlio un mercante pure lui.

Ma la passione del ragazzo era la pittura, manifestatasi sin da giovanissimo in una sorta di “iniziazione araldica” con la raffigurazione su alcuni palazzi cittadini di bandiere e degli stemmi nobiliari di chi ci abitava. Al 1439, più o meno al tempo della cessione del Borgo dal Papa a Firenze, risale il primo documento attestante la presenza del giovane Piero nel capoluogo toscano, per quella che fu la sua prima trasferta “extra moenia”, a lavorare come aiuto del pittore Domenico Veneziano.

Ciò gli consentì di impregnarsi di una cultura figurativa che recava i nomi dei vari Pisanello, Masolino da Panicale, Masaccio, Filippo Lippi, Paolo Uccello e Beato Angelico, tutti rappresentanti della prima generazione del Rinascimento italiano, che con le loro tecniche artistiche si confrontavano davanti agli occhi di un adolescente.

Dalle pitture di frate Angelico in particolare il nostro comprese i misteri dell’uso della luce, che riuscì poi a trasformare in poesia nelle proprie opere, sempre realizzate facendo attenzione a “dare i colori commo nelle cose se dimostrano, chiari et obscuri secondo che i lumi li devariano”.

Così anche lui, dopo “aver sciacquati i panni in Arno” (come qualche secolo più tardi per altri versi avrebbe fatto il Manzoni), era pronto per affrontare i suoi capolavori, chiamato dalle più importanti Corti italiane dell’epoca. Pesaro, Rimini, Ferrara, la Roma del papa umanista Pio II, ma soprattutto la Urbino dei Montefeltro lo avrebbero visto assiduamente all’opera nella realizzazione di opere straordinarie fra le quali ricordiamo, per esempio, il “Dittico dei duchi di Urbino”, la “Madonna col Bambino, sei santi ed il duca Federico da Montefeltro”, il “Polittico di Sant’Agostino”, la “Madonna col Bambino in trono e quattro angeli”, il “Polittico della Misericordia”, la “Madonna del Parto”, il “Ritratto di Sigismondo Pandolfo Malatesta” e molti altri.

Il suo testamento artistico e spirituale tuttavia è costituito dal magnifico ciclo di affreschi raffiguranti la “Storia della Vera Croce” realizzati nella Basilica aretina di San Francesco fra il 1452 ed il 1466. Peccato che un Maestro che del sapiente uso della luce e dei colori fece il motivo della sua vita artistica, sia poi morto vecchio e condannato ad un’infelice cecità il 12 ottobre del 1492, nel giorno in stesso in cui, al di là dell’oceano, Colombo scopriva il Nuovo Mondo.