@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > Pietro Aretino: breve Biografia

Pietro Aretino: breve Biografia

Pietro Aretino: breve biografia
Ritratto di Pietro Aretino

“Respira, batte i polsi e muove lo spirito nel modo ch’io faccio in la vita”: così nel 1545, nella lettera d’accompagnamento con la quale glielo inviò in regalo, Pietro Aretino descriveva al duca Cosimo I de’ Medici il ritratto che il grande Tiziano aveva appena realizzato di lui. In esso il suo corpo imponente ed il volto barbuto si stagliano su un fondo scuro illuminato solo dal rosso della sontuosa sopravveste che lo ricopre e dal catenone d’oro massiccio ricevuto in dono dal re di Francia Francesco I.

Pietro Aretino, breve biografia: la nascita e i primi anni di vita

Di strada ne aveva fatta il figlio, nato il 19 o 20 aprile del 1492, di un oscuro calzolaio di Arezzo di cui non si conosce con certezza nemmeno il nome, ma si sa soltanto che ad un certo punto della sua esistenza abbandonò la famiglia per “iscriversi nella milizia”, così intraprendendo la vita da mercenario. Da allora in poi ad occuparsi del piccolo Pietro sarebbero stati mamma Margherita, il nuovo compagno di lei e l’anziano zio prete, don Fabiano, che gli impartì i rudimenti del sapere.

Ma la città natale a quello scavezzacollo svelto di lingua e vivace d’ingegno stava troppo stretta e pertanto Pietro, che pure non l’avrebbe mai dimenticata tanto da farsi chiamare “l’Aretino”, appena dodicenne si trasferì a Perugia, sotto la protezione dell’umanista Francesco Bontempi, e proprio nel capoluogo umbro nel 1512 pubblicò la prima raccolta di versi intitolata “Opera nova del fecundissimo giovene Pietro pictore Aretino”.

Pietro Aretino alla corte dei Papi

Poi però gli scherzi, le burle e le scostumatezze di quegli anni perugini lo costrinsero a cambiare aria per vagabondare fra Bologna, Siena ed infine Roma, dove più o meno nel 1517 il potentissimo banchiere Agostino Chigi, toscano pure lui, lo introdusse nel mondo gaudente e pagano di papa Leone X, al quale i versi sboccati e pieni di doppi sensi di quel giovanotto non dispiacquero affatto, tanto che lo assunse come poeta di corte.

Fu l’inizio della sua fortuna perché dal turbinio di cardinali, nobili, diplomatici, artisti del calibro di Raffaello e Michelangelo, trafficoni, ladri e prostitute che popolavano la splendida Roma del Rinascimento, l’Aretino trasse materiale a non finire per le sue rime caustiche e mordaci, che lo resero al tempo stesso temutissimo dai destinatari delle sue pasquinate e ricercatissimo da quanti invece ambivano alle sue sperticate lusinghe.

Il sottile discrimine fra elogi e “mazzate”, per quella lingua biforcuta, era ovviamente costituito dal denaro: chi pagava poteva starsene non solo tranquillo, ma bearsi delle lodi scritte in suo onore. Chi invece, non cedendo ai ricatti, non “scuciva”, rischiava di vedersi rovinata la reputazione da rivelazioni al veleno.

Dopo la brevissima parentesi quaresimale imposta dal pontificato del morigerato Adriano VI, succeduto a Leone X, durante la quale l’Aretino preferì prudentemente allontanarsi dall’Urbe, eccolo già di ritorno nel 1523, contestualmente con l’elezione al soglio pontificio dell’amico Giulio de’ Medici, diventato papa Clemente VII.

Da quest’ultimo nominato cavaliere e beneficato con la concessione di una generosa pensione, il nostro a Roma mise su casa con tanto di servi e maggiordomi, spendendo come sempre più di quanto intascasse in bagordi e feste popolate da cortigiane, parassiti e ragazzi di vita, che lui frequentava così come faceva con le mogli altrui.

In questi anni scrisse fra l’altro gli sboccatissimi “Sonetti lussuriosi” e “la Cortigiana”, opera nella quale le storie facete di messer Maco e messer Parabolano si intrecciano in un susseguirsi di beffe, amori contrastati e scherzi d’ogni tipo.

L’attentato alla sua vita: la fuga a Venezia

Fra adulazioni, calunnie, ricatti ed intese sottobanco, alla fine però l’Aretino si attirò l’odio del potente datario apostolico Giberti, che gli fece tendere un agguato mortale da un sicario dal quale solo per miracolo, seppure al prezzo di gravissime ferite, Pietro riuscì a scampare, capendo però che l’aria romana per lui si era fatta troppo pesante.

Pietro Aretino - Breve biografia
Pietro Aretino e anonimo xilografo veneziano: sonetti lussuriosi. (Collezione Privata)

Trasferitosi a Mantova, vi conobbe il grande condottiero Giovanni dalle Bande Nere, al quale l’avrebbe legato probabilmente l’unico sentimento d’amicizia profonda e disinteressata mai provato in vita sua, tanto che alla di lui morte avrebbe pianto lacrime sincere. Nel 1527 giunse infine in quella che sarebbe stata la sua città d’adozione e dalla quale non si sarebbe praticamente più allontanato: Venezia.

Elegante, cosmopolita, opulenta, ben governata e sicura, in quegli anni la Serenissima era un luogo ospitale, dove feste, balli e mascherate erano all’ordine del giorno. Il doge Andrea Gritti in persona lo ricevette a Palazzo Ducale, assegnandogli un vitalizio che però non sarebbe bastato a mantenere il principesco tenore di vita dell’Aretino che, insediatosi in una bellissima casa sul Canal Grande, iniziò presto a non pagarne la pigione.

Lì, circondato da scrocconi e mantenute che gli spillavano quattrini esattamente come lui li spillava ai suoi protettori, alternando con grande nonchalance il sacro al profano scrisse alcune delle sue opere più famose come il tomo composto dalla “Genesi , l’Umanità di Cristo , i Sette Salmi e la Passione di Cristo”, ma anche “il Marescalco” ed “i Ragionamenti”.

A “ragionare” in chiave ferocemente satirica l’Aretino riunisce Nanna, un’ex monaca diventata prostituta, e la comare Antonia le quali, raccontando le proprie esperienze, disquisiscono su quale fra i possibili “stati” della condizione muliebre (monaca, maritata o prostituta) convenga far intraprendere a Pippa, la giovane figlia di Nanna, concludendo che, dopo tutto, proprio la carriera di cortigiana sarebbe stata per lei la più sicura ed onesta (!).

Potrebbe interessarti: La Monaca di Monza al secolo Marianna de Leyva: breve biografia

La morte di Pietro Aretino

Colui che l’Ariosto definì “il flagello dei principi” seppe davvero rappresentare meglio di chiunque altro, anche perché li incarnò tutti, i vizi e le virtù di un’epoca di cui sarebbe diventato il più grande libellista. Al tempo stesso temuto ed amato, respinto e ricercato, Pietro Aretino spirò il 21 ottobre del 1556 in conseguenza di un colpo apoplettico che lo rovesciò dalla “cadrega” sulla quale stava lavorando.
Sulla sua lastra tombale nella chiesa veneziana di San Luca furono incisi i versi seguenti : “D’infima stirpe a tanta altezza / venne Pietro Aretin biasmando il vizio immondo / che da color che tributava il mondo / per temenza di lui tributo ottenne”. L’epitaffio perfetto di un uomo che condannò i vizi altrui solo per avere il pretesto di parlarne, cosi come i suoi lettori esigevano.