@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > Pio VII al secolo Barnaba Chiaramonti: breve biografia del Papa mite ma forte

Pio VII al secolo Barnaba Chiaramonti: breve biografia del Papa mite ma forte

Pio VII al secolo Barnaba Chiaramonti: breve biografia del Papa mite ma forte

Il 14 marzo del 1800, al termine di un lungo Conclave tenutosi sull’isola veneziana di San Giorgio per consentire ai Cardinali elettori di esprimere il loro voto al riparo dalle influenze esterne, risultò eletto all’unanimità il cinquantottenne cesenate e monaco benedettino Barnaba Chiaramonti.

Uomo di origini umili, minuto, esile e dagli occhi incavati su un volto ossuto e dal colore olivastro, era ben diverso, anche per aspetto, dalla categoria dei grandi Papi rinascimentali, più simili a principi che a pastori di anime. Lui invece era e rimaneva un prete fino al midollo, che però, inaspettatamente, nel corso del suo lungo pontificato avrebbe dato prova, a dispetto della sua fragilità fisica, di sapersi trasformare in un mastino capace di azzannare chiunque, quando c’erano da tutelare gli interessi della Chiesa.

D’altra parte, avendo assunto il nome di Pio VII, fu da subito a tutti chiaro che la sua opera sarebbe stata nel solco ed in continuità con quella del suo predecessore, Pio VI, un altro cesenate morto in esilio in terra di Francia dove era stato condotto con la forza per ordine del Direttorio rivoluzionario.

Le riforme di Pio VII dopo l’esperienza della prima Repubblica Romana

Entrato da pontefice a Roma dopo l’esperienza della prima Repubblica Romana istituita per volontà degli invasori francesi, Pio VII si applicò per riportare ordine in uno Stato scosso da tre anni d’occupazione straniera, dimostrando clemenza nei confronti di quanti avevano collaborato con gli invasori. Attuò molte riforme in svariati campi della vita pubblica e sociale con l’aiuto del segretario di Stato Cardinal Consalvi, il “riformista conservatore” (secondo l’ossimoro col quale veniva qualificato) che gli rimase accanto per quasi tutto l’arco del suo pontificato.

In politica estera si diede subito da fare per trovare un “modus vivendi” con l’astro nascente della politica continentale europea, Napoleone Bonaparte, riuscendo senza troppe difficoltà a stipulare con lui il Concordato del 1801, perché il Corso già puntava segretamente a farsi incoronare imperatore proprio dal Papa in una cerimonia che richiamasse i tempi di Carlo Magno. La legittimità della sua corona, infatti, ne avrebbe guadagnato tanto agli occhi del mondo, se a sancirla si fosse scomodato quello che, secondo Napoleone, altri non era che “un bravo prete italiano”.

La politica estera di Pio VII: il viaggio a Parigi

Le trattative condotte da parte francese dal Cardinal Fesch, uomo rozzo ed insensibile il cui solo merito era quello di essere zio dell’allora “Primo Console”, e per lo Stato Pontificio dal Consalvi andarono però per le lunghe, perché il Papa era angosciato dal dilemma di recarsi a Parigi, consegnandosi così di fatto nella mani di un interlocutore senza scrupoli, o non andarci, rischiando però che la Francia si avviasse sulla via dello scisma, come già successo con l’Inghilterra di Enrico VIII.

Alla fine, fra le due paure, prevalse la seconda ed il 2 novembre del 1804 Pio VII salì col cuore pesante sulla carrozza che, dopo un viaggio penoso, lo avrebbe condotto alle Tuileries. Deciso a salvare almeno la forma, riuscì soltanto ad ottenere il giuramento costituzionale del futuro Imperatore, dovendo però cedere su tutto il resto e finendo così per fungere da semplice spettatore della fastosa cerimonia durante la quale, il 2 dicembre successivo, nella Basilica di Notre Dame Napoleone si sarebbe infilato sulla testa la corona imperiale, per indicare al mondo che era lui a disporne, e non il Papa a concedergliela.

Quest’ultimo infatti dovette limitarsi a recitare la formula ”Consecraturi sumus” (“Lo consacriamo”) e non più l “Eligimus” (“Lo eleggiamo”) usato in passato. Il famoso dipinto eseguito da Jacques Louis David ci mostra un Pio VII quanto mai pensieroso e contrariato che, da dietro, assiste a disagio a quella cerimonia che doveva ripugnargli nell’intimo.

E in effetti il formale simulacro d’accordo raggiunto dai due in quell’occasione durò poco perché, una volta rientrato il Papa a Roma, il novello Imperatore non gradì affatto la dichiarata neutralità dello Stato Pontificio nei riguardi delle dispute che ormai lo opponevano a tutti gli Stati europei, e tanto meno l’accessibilità del porto di Ancona che Pio VII aveva garantito a Russi ed Inglesi, nemici dichiarati della Francia.

Le truppe Napoleoniche invadono Roma: Napoleone scomunicato

Così, ricordando minacciosamente al Papa che: “Voi Santità siete il sovrano di Roma, ma io ne sono l’Imperatore”, Napoleone il 2 febbraio del 1808 fece occupare dalle sue truppe la Caput Mundi e, dopo essere stato per questo motivo scomunicato, scrisse furibondo al Generale de Miollis, comandante delle truppe d’occupazione, che nei confronti di Pio VII “non bisogna avere più riguardi: questo pazzo furioso va rinchiuso”.

Perciò, nella notte fra il 5 ed il 6 luglio del 1809, il capo della gendarmeria francese Radet, alla testa di un drappello d’uomini formato da soldati e fabbri, si recò al Quirinale trovandone però sbarrato il portone d’accesso e così le altre tredici porte che lo avrebbero condotto sino nell’appartamento pontificio, tutte scassinate le une dopo le altre fino a quando quei “bravi” si trovarono davanti a quell’omino pallidissimo che, con la stola sulla veste bianca ed un crocifisso in mano, ascoltò sereno la loro richiesta di rinuncia al potere temporale.

Non possumus, non debemus, non volumus: Pio VII deportato in Francia

La risposta di Pio VII fu il famoso: “Non possumus, non debemus, non volumus”, che gli costò l’inizio di una lunga deportazione in regime di semi-prigionia prima a Grenoble, poi a Savona ed infine nel Palazzo di Fontainebleu, dove ancora si può visitare il suo appartamento. Qui, dopo un lungo faccia a faccia durato sei giorni, Napoleone riuscì ad ottenere da quell’uomo ormai fisicamente indebolito e psicologicamente prostrato la firma di un nuovo concordato contenente condizioni umilianti per la Santa Sede, che poi però il Papa, dopo alcuni giorni di intima sofferenza ed a rischio della propria vita, disconobbe perché estorte con la forza.

Solo l’avanzata delle truppe alleate convinse un Napoleone ormai in fase calante a consentire nel gennaio del 1814, dopo quasi cinque anni di prigionia, il ritorno in Italia del Papa, il cui viaggio di rientro si trasformò in un trionfo, osannato come fu, dovunque passasse, da folle avide di pace ed esauste per i lutti, la fame e le privazioni provocate da tanti anni di guerre e massacri.

Pio VII rientra a Roma

Dopo aver allungato il tragitto per passare un’ultima volta dalla sua Cesena e da là recarsi al Santuario di Loreto per sciogliere un voto fatto alla Madonna per la sua liberazione, Pio VII il 24 maggio del 1814 rientrò finalmente fra due ali di folla festante a Roma, dove sarebbe poi rimasto quasi ininterrottamente sino alla fine dei suoi giorni.

Pio VII rientra a Roma dopo la prigionia in Francia
Nei confronti del suo persecutore il Santo Padre dimostrò tuttavia grande magnanimità, poiché dopo il suo esilio a Sant’Elena ed il crollo dell’ordine da lui creato, ne accolse a Roma i parenti più stretti, in fuga dalla Francia della Restaurazione e considerati alla stregua di appestati da tutto il resto d’Europa.