@trentaminuti > Salute e benessere > Medicina > Come prevenire l’influenza

Come prevenire l’influenza

come prevenire l'influenza

Essendo una delle malattie invernali più frequenti, essere consapevoli su come prevenire l’influenza è molto importante. E’ vero il detto: prevenire è meglio che curare. Ciò vale soprattutto se si appartiene a quelle categorie definite a rischio: anziani, bambini piccoli, persone con patologie respiratorie, immunodepresse ecc..

La cosa giusta è  evitare di correre ai ripari a danno ormai fatto, riconoscendo come si manifesta l’influenza. Nel caso si accusino segnali come tosse e spossatezza, febbre e dolore alle ossa, probabilmente si è già contagiati. In questo caso si curano i sintomi stando a riposo, evitando di contenere il diffondersi della malattia. Comunque, è bene essere consapevoli che esistono delle semplici accortezze per ridurre al minimo i rischi di contagio influenzale.

I ceppi virali cambiano di anno in anno, così come i vaccini per contrastarli. Ma i comportamenti di buon senso su come non farsi contagiare dall’influenza rimangono sempre gli stessi. Sono condotte, richiamate anche dal ministero della salute, sempre attento a diffondere le regole da seguire su come prevenire l’influenza in modo naturale. In pratica mettendo in atto degli accorgimenti pratici e molto semplici si evitano le fonti virali. In questo modo si hanno meno possibilità di prendersi il virus influenzale.

Il dicastero della sanità italiano, di anno in anno, promuove delle campagne informative per impedire la diffusione dell’influenza. Innanzitutto invita a vaccinarsi, tale raccomandazione è rivolta soprattutto alle già citate categorie a rischio.

I successivi consigli su come prevenire l’influenza valgono soprattutto per i bambini i quali, oltre a essere considerati categoria sensibile, quando sono in età scolare rischiano di diffonderla ai loro coetanei in maniera esponenziale.

Indice

Come si trasmette il virus dell’influenza

Il virus dell’influenza si trasmette per via aerea. Si tratta di un contagio indiretto che avviene attraverso goccioline di saliva o escreato. Si parla di starnuti, colpi di tosse, respirazione ecc.. In questo modo il virus viaggia dal soggetto influenzato verso quello sano, contagiandolo.

Come tutti i virus anche l’influenza ha un tempo di incubazione. Si tratta del periodo che intercorre da quando si entra in contatto con il virus a quando la malattia esplode in acuzie. Durante il periodo di incubazione, in genere asintomatico, il soggetto contagiato possiede già, all’interno del suo organismo, il virus dell’influenza.

come prevenire l'influenza

La premessa su come si trasmette il virus influenzale sta alla base dei comportamenti da adottare per evitare il contagio.

Come prevenire l’influenza

Arriviamo ai fatidici punti su come prevenire l’influenza. Si tratta di raccomandazioni e indicazioni sia per i presidi sanitari ma anche e soprattutto per la popolazione. La vaccinazione è la prima difesa per evitare l’influenza. Difatti, i vaccini che vengono distribuiti sono aggiornati contro i ceppi influenzali che si prevede intervengano in ogni nuova fase dell’inverno.

Secondo le stime statistiche, da metà ottobre a fine dicembre è il periodo più indicato per effettuare la vaccinazione antinfluenzale. Questo suggerimento si basa sia sui dati sull’incidenza dell’influenza rispetto alla situazione climatica, che sull’andamento temporale mostrato dalle epidemie influenzali precedenti.

In questo modo si è ragionevolmente certi di contenere la diffusione influenzale. Ci sono poi i suggerimenti di buon senso, indicati nell’opuscolo del ministero della salute:Campagna per la prevenzione dell’influenza”.

Le regole pratiche per prevenire l’influenza

Riassumendoli, si tratta di atti semplici ma di sicura efficacia.

  • Lavaggio delle mani con l’acqua, in mancanza della quale si può far uso di gel alcolici. Questa condotta è auspicabile soprattutto se si copre il viso dopo aver tossito o starnutito;
  • Buona igiene respiratoria. Coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, trattare i fazzoletti di cotone dopo averli usati e lavarsi le mani. In caso di uso di fazzoletti di carta, dopo averli utilizzati gettarli in un luogo sicuro;
  • Isolamento volontario a casa delle persone con malattie respiratorie febbrili specie in fase iniziale;
  • Uso di mascherine da parte delle persone con sintomatologia influenzale, soprattutto quando si trovano in ambienti ospedalieri.come prevenire l'influenza

La persona influenzata, dovrebbe usare preferibilmente fazzolettini di carta, gettandoli in un contenitore rifiuti subito dopo l’uso. I fazzoletti di stoffa non dovrebbero essere usati più volte e vanno lavati dopo ammollo in acqua molto calda (60°C)

Un’altra buona norma è rinforzare le proprie difese immunitarie, mangiando in modo corretto, evitando lo stress e dormendo in modo regolare. La pulizia è basilare, alcuni virus tendono a sedimentare, pertanto si raccomanda di pulire regolarmente gli ambienti dove si lavora e si vive, soprattutto se molto frequentati.

Questi sono i suggerimenti su come prevenire l’influenza.  Pur sembrando banali sono di sicura utilità ed efficacia. Basti pensare che provengono direttamente dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.