@trentaminuti > Storia > Fatti ed eventi storici > Prima guerra mondiale: la vittoria dell’Italia dopo Caporetto

Prima guerra mondiale: la vittoria dell’Italia dopo Caporetto

“I resti di quello che fu uno dei più potenti eserciti del mondo risalgono in disordine e senza speranze le valli, che avevano disceso con orgogliosa sicurezza”. Con questa frase, non priva di retorica, si concluse il “Bollettino della Vittoria” diramato alle ore 12,00 del 4 novembre del 1918 dal Generale Armando Diaz, Capo di Stato Maggiore dell’Esercito italiano.

Tre ore più tardi, con l’entrata in vigore del “cessate il fuoco” stabilito il giorno prima dall’Armistizio di Villa Giusti (Padova) e firmato dai Ministri plenipotenziari dell’Impero Austro-Ungarico e del Regno d’Italia, si sarebbe ufficialmente conclusa la Prima Guerra Mondiale, almeno sul suo fronte italiano.

In soli dodici mesi il nostro Paese era riuscito a passare dalla disfatta di Caporetto alla vittoria conclusiva, denotando di possedere una voglia di riscatto collettivo e di rigenerazione nazionale, di cui in pochi, Italiani compresi, l’avrebbero ritenuto capace.

A rendere possibile questa specie di miracolo concorsero diversi fattori, Il primo dei quali fu la sostituzione al Comando Supremo del nostro esercito, decisa un paio di settimane dopo i fatti di Caporetto, dell’inadeguato e crudele Luigi Cadorna, principale responsabile di quella tragedia nazionale, col Generale Armando Diaz.

Piccolo di statura, occhialuto, con l’aria più da professore che da militare, quest’ultimo dei suoi natali napoletani conservava non soltanto un marcato accento, che tanto lo distingueva in riunioni in cui, fino ad allora, si era discusso quasi soltanto in dialetto piemontese, ma anche un’innata bonarietà caratteriale, che lo indusse da subito a trattare i suoi soldati non più come semplice “carne da macello” (pratica in cui il suo predecessore eccelleva), ma come uomini meritevoli di rispetto e comprensione.

Armando Diaz
Armando Diaz

Non soltanto infatti amministrò con estrema parsimonia la vita dei soldati che gli erano stati affidati, ma cercò di migliorare, per quanto possibile, le loro condizioni materiali, aumentando dosi e qualità del rancio, allungando le licenze invernali e concedendo con generosità i congedi agricoli, tanto più necessari in un Paese ormai ridotto allo stremo delle forze e con i granai vuoti.

Non per nulla riuscì a ridurre di oltre due terzi (dal mezzo milione abbondante, fra morti e feriti, del 1917 ai circa 140.000 del 1918) il numero delle vittime belliche. Un altro fattore importante fu il ricorso alla propaganda, voluta dallo stesso Diaz non solo fra le fila dei nostri soldati, ma anche e soprattutto in campo avverso.

Dopo Caporetto infatti furono individuati i cosiddetti “Ufficiali P.” (dove “P.” sta appunto per “Propaganda) scelti fra quelli di trincea che ben conoscevano lo spirito del fante e formati allo scopo di tenere alto il morale delle truppe, mantenendo sempre aperto con loro un dialogo diretto e comprensibile a tutti.

Il compito fu facilitato dalla distribuzione gratuita di giornali e periodici dai titoli eloquenti (“La tradotta”, “La ghirba”, “Signor sì”…) nei quali scrittori di fama come Prezzolini, Soffici e Jahier scrivevano articoli che ben si attagliavano alla sensibilità dei loro speciali lettori.

Sul fronte esterno invece si decise di ricorrere a sempre più frequenti incursioni aeree organizzate aldilà delle linee nemiche con l’unico obbiettivo di lanciare volantini ed opuscoli scritti nelle lingue più disparate (tedesco, sloveno, croato, ungherese, slovacco, polacco…) dove si faceva leva sulle potenti forte centrifughe e nazionaliste già da tempo operanti fra le fila dello sterminato Esercito Imperiale Austro-Ungarico.

Il risultato concreto di quest’opera fu che in appena due mesi circa oltre 15.000 disertori dal fronte nemico si presentarono agli avamposti italiani chiedendo di essere arruolati, col doppio effetto benefico costituito, oltre che dalla crescita degli uomini a nostra disposizione, dall’impressione che di ciò traevano i soldati, ai quali sembrava che l’esercito avversario si stesse disintegrando.

Infine, Diaz ed i suoi aiutanti furono attenti a non disperdere le reclute fra i vari reparti, come fino ad allora aveva fatto Cadorna con la conseguenza che i veterani raggelavano immediatamente i nuovi venuti con racconti terrificanti, ma li concentrarono in reparti omogenei.

Partendo da queste premesse, e dopo che già nel giugno del 1918 con la “battaglia del Solstizio” gli Italiani erano riusciti a recuperare importanti posizioni sulle cime alpine e l’intero Delta del fiume Piave, quando ad inizio ottobre iniziarono a diffondersi voci secondo cui la fine della guerra era vicina, perché gli Alleati avevano sfondato sul fronte occidentale la cosiddetta “linea Hindenburg”, I Bulgari si erano arresi, l’Ungheria si era ormai dichiarata indipendente dall’Austria e la Germania si era detta disponibile a trattare, Diaz fu di fatto obbligato dal Governo italiano ad attaccare in quanto, per rivendicare le concessioni precedentemente stabilite dal patto di Londra, era necessario sconfiggere gli Austriaci sul campo.

Il via delle operazioni fu fissato per il 24 ottobre (data fortemente simbolica perché corrispondente col 1° anniversario di Caporetto), ma i primi attacchi portati dagli Italiani sul Monte Grappa e sul Piave furono arginati da una resistenza disperata, che causò ai nostri perdite notevoli.

Tuttavia, dopo pochi giorni, lo sconforto generato fra le fila avversarie dalla notizia della sconfitta dei Tedeschi ad Amiens, la quasi assoluta mancanza di rifornimenti e la disparità delle bocche da fuoco in campo (circa 4000 di parte italiana contro le poco più che 800 nemiche) innestarono le prime rivolte che videro i reggimenti croati, cechi, polacchi ed ungheresi gettare le armi.

Per i nostri avversari fu il segnale del collasso, ma per gli Italiani quello della riscossa che, sull’onda dell’entusiasmo, consentì loro finalmente di varcare in massa il Piave per riappropriarsi dei territori sulla sua sponda sinistra.

Prima guerra mondiale: la vittoria dell’Italia dopo Caporetto

Con la faccia incollata ad un’enorme carta topografica ed i suoi occhiali da miope Diaz, contornato dai suoi generali, interrogandosi sul miglior cammino da seguire per avere rapidamente ragione delle ultime resistenze nemiche, mormorò: “Ne’, ma ‘sto Vittorio veneto addo’ c…o sta?”.

Se anche al momento non gli fosse stato chiaro, di lì a poco l’avrebbe saputo tutta la Nazione, euforica per la vittoria dopo quasi quattro anni di ristrettezze e lutti che le erano costati circa 1.250.000 di morti fra militari e civili, tutti immolati sull’altare di quella che Papa Benedetto XV giustamente definì “l’inutile strage”.

Bibliografia:  “La grande Storia della Prima Guerra Mondiale” di Martin Gilbert e “L’Italia di Giolitti” di Indro Montanelli.