@trentaminuti > Salute e benessere > I richiami alimentari del 2019 > Salame di prima qualità ritirato dal commercio per salmonella

Salame di prima qualità ritirato dal commercio per salmonella

Salame di prima qualità ritirato dal commercio per salmonella

L’ultimo richiamo del 2019 riguarda salame di prima qualità ritirato dal commercio per salmonella. Lo comunica il ministero della salute con nota del 31/12/2019, la marca del salume è Salumificio Bartoletti e, considerata la natura del richiamo alimentare, lo stesso è stato classificato per “rischio microbiologico”.

Di fatto, la salmonella è un organismo microbiologico e la sua presenza negli alimenti sta rilevandosi sempre più frequente. Naturalmente, i cibi contaminati da tale batterio non vanno consumati per evitare di incorrere in rischi fisici che possono essere lievi ma, talvolta, anche importanti.

Salame di prima qualità ritirato dal mercato: i dettagli

Il ritiro dal commercio riguarda salame di prima qualità marchio Salumificio Bartoletti srl che risulta contaminato da salmonella. Il lotto che presenta il problema è il numero 251019 con scadenza 20/04/2020.

L’alimento è confezionato e distribuito dal Salumificio Bartoletti srl Via delle Boschine 6 – Graffignana in provincia di Lodi. Il motivo per il quale è stato disposto il richiamo del prodotto, secondo quanto descritto nella nota del dicastero, è “presenza di salmonella” e, nello stesso documento si aggiunge, riferendosi all’alimento in questione, di “non consumare e riportare in punto vendita.

Tale raccomandazione vale soprattutto per quei consumatori che, nonostante il ritiro dal commercio, avessero già acquistato il lotto indicato di salame di prima qualità marchio Salumificio Bartoletti. Peraltro, la salmonella può arrecare disturbi e sintomi anche gravi pertanto, per i consumatori, la prudenza è d’obbligo.

Potrebbe interessarti: Salame stellino marchio nativa 2018 ritirato dal commercio per listeria monocytogenes

Salame contaminato da salmonella richiamato: i rischi per la salute

La salmonella è un batterio che può provocare la salmonellosi, una patologia di origine alimentare che sta manifestandosi sempre più frequentemente, soprattutto nella forma meno pericolosa, la cosiddetta non tifoide.

Essa provoca sintomi di natura gastroenterica ma, attraverso il sangue, in pazienti deboli può aggredire altri organi risultando più pericolosa. La forma tifoide di salmonella è più grave è si manifesta con sintomi ben più gravi, caratterizzati da febbre elevata e compromissione di diversi organi anche vitali.

Nella forma più lieve, la non tifoide, la salmonella si manifesta entro 72 ore dall’ingestione dell’alimento contaminato e viene trattata con terapie adeguate che si distinguono a secondo dei sintomi che si manifestano. Di solito, la salmonellosi non tifoide, adeguatamente trattata dal punto di vista sanitario, si risolve in pochi giorni, richiede l’ospedalizzazione solo nei casi più importanti.

In ogni caso, i consumatori che avessero acquistato e consumato il lotto di salame di prima qualità marchio salumificio Bartoletti e che presentassero malesseri sono invitati a recarsi presso dei centri sanitari segnalando la vicenda. Va da sé che il salume segnalato non deve essere consumato.