@trentaminuti > Costume e società > Docenti Diritti Umani > Scuola: serve un piano generale per risolvere le criticità

Scuola: serve un piano generale per risolvere le criticità

scuola riordino

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani intende segnalare le tantissime email pervenute dal personale educativo in merito alle problematiche riguardanti la situazione dei docenti di ruolo fuori sede, ormai divenuta veramente “endemica” e preoccupante per gli sforzi e le difficoltà incontrate nel ricongiungimento con le proprie famiglie e per gli esagerati costi legati alla pandemia.

I prezzi dei biglietti dei treni, dei pullman, degli aerei sono aumentati in maniera esponenziale, così anche il costo vita. Occorre intervenire presto per risolvere una volta per tutte la problematica degli esiliati l. 107/2015. Dopo più di cinque anni passati per molti ad oltre mille chilometri di distanza, serve un piano di rientro concreto aumentando il numero dei docenti predisposti al potenziamento nelle scuole.

Un esempio è da supporto a quanto detto: un gran numero di docenti dispone attualmente delle agevolazioni previste dalla legge 104/92, tra cui tre giorni di permesso al mese. Se in una scuola tutti i docenti dovessero avvalersene nello stesso periodo, molte classi rimarrebbero scoperte con grandi difficoltà organizzative.

Sappiamo infatti che l’attuale normativa non permette di accorpare le classi. Occorre urgentemente ridimensionare le classi, oggi troppo numerose e complesse. La pandemia ha incrementato i casi BES e di disagio psichico; in funzione di un recupero delle difficoltà rilevate occorre raddoppiare il personale per evitare la crescita dell’abbandono scolastico e della dispersione, specie nelle aree più a rischio del Paese.

Leggi anche: Mobilità scuola 2020/2021: la voce dei docenti

La sicurezza nell’ambiente di lavoro in molte realtà educative è ancora non completamente adeguata alla normativa. In molte scuole, specie nel Centro Sud, il clima non permette nei periodi estivi di prolungare il calendario scolastico in quanto le classi non sono dotate di un sistema di aerazione appropriato.

È necessario adeguare le retribuzioni agli standard europei. Da molti messaggi giunti all’associazione constatiamo una crescente preoccupazione per le confuse e discordanti comunicazioni circa la contagiosità delle attuali varianti Covid: sarebbe opportuno divulgare con la massima chiarezza e possibilmente univocità le informazioni scientifiche acclarate sui fenomeni epidemiologici. Chiediamo a tal proposito un monitoraggio dettagliato alle autorità competenti e facilmente consultabile all’interno delle scuole.

Si richiede un intervento urgente normativo per modificare la legge n. 92/2019 (Educazione civiche nelle scuole) onde permettere al personale competente di poter insegnare adeguatamente la disciplina. Crediamo, infine, sia doveroso l’inserimento in ruolo di chi ha superato i concorsi pubblici banditi negli anni precedenti. Ribadiamo che solo attraverso un piano generale in cui trovino posto le varie criticità si potrà assistere ad un’autentica evoluzione positiva della scuola nella società.