@trentaminuti > Salute e benessere > I richiami alimentari del 2017 > Sgombro refrigerato infestato da parassiti vivi Anisakis – allerta alimentare

Sgombro refrigerato infestato da parassiti vivi Anisakis – allerta alimentare

Sgombro refrigerato infestato da parassiti vivi Anisakis

Sgombro refrigerato infestato da parassiti vivi Anisakis, questa è la sintesi dell’allerta alimentare lanciato dal RASFF (Food and Feed Safety Alerts). L’agenzia europea,  con la notifica 2017.1994 del 20 novembre 2017, non ha definito serio il rischio per la salute. Anche se, dei pericoli importanti ci sono. Si tratta  di sgombro refrigerato proveniente dalla Francia nei quali sono stati trovati parassiti di tipo Anisakis.

La RASFF ha rilevato la presenza di parassiti Anisakis già dal 16 novembre 2017.  Le azioni intraprese dalle autorità italiane in seguito alla segnalazione sono state: il blocco dell’importazione del prodotto, la distruzione, quando reperiti, di tutti i lotti di sgombro refrigerato con parassiti vivi anisakis.

Ciò non toglie che, sotto varie forme, possa essere stato già distribuito. Si raccomanda attenzione, da parte dei consumatori, per non incorrere in fastidiosi disturbi alla salute.

Sgombro refrigerato infestato da parassiti vivi anisakis: dove è presente

Lo sgombro con parassiti Anisakis proviene dalla Francia ed è stato distribuito sul mercato italiano. Il pericolo maggiore proviene dall’ingestione cruda del pesce. Vista la crescente passione per questa tipologia di consumo si raccomanda attenzione sia in quei punti vendita ancora non monitorati dalle autorità preposte che nei ristoranti che lo propongono. Potrebbe essere interessante leggere:  La lista dei cibi da evitare di coldiretti e ministero della salute

Sgombro refrigerato infestato da parassiti vivi Anisakis: i rischi per la salute

L’anisakidosi è l’infezione provocata dal parassita anisakis. Tecnicamente è una parassitosi e si verifica, generalmente, con l’ingestione di pesce contenente la larva. Sta divenendo una patologia molto diffusa con il crescente aumento di consumo di pesce crudo. Dopo l’ingestione, le larve vitali di anisakis potrebbero essere espulse dall’organismo. Se ciò non avviene, possono penetrare nella mucosa gastrica causando un dolore addominale violento, accompagnato da nausea e vomito.

Sgombro refrigerato infestato da parassiti vivi Anisakis
Sgombro refrigerato infestato da parassiti vivi Anisakis

 

La diagnosi dell’anisakidosi viene fatta attraverso gastroscopia.  In molti casi, questa parassitosi si risolve con il solo trattamento dei sintomi. Nei casi più gravi, se la larva si insinua nell’intestino, è necessario l’intervento chirurgico. Le larve di anisakis sono sensibili alla cottura e al congelamento, ma solo a determinate condizioni.

Potrebbe interessarti: Tranci di tonno affumicato ritirati dal commercio: sospetta sindrome sgombroide

Sgombro refrigerato infestato da Anisakis: le precauzione da adottare

Sono due le metodologie efficaci per eliminare il parassita anisakis dal pesce, la prima è la cottura.

In particolare l’EFSA suggerisce che si deve portare la parte più interna del pesce ad una temperatura superiore a 60 °C per almeno un minuto. Per ottenere questo risultato è necessario cuocere il pesce per una durata più lunga e ad una temperatura maggiore. Per un filetto di 3 cm è necessaria una cottura di almeno dieci minuti per raggiungere questo scopo. (wikipedia)

La larva anisakis può essere abbattuta anche alle basse temperature. In particolare a meno 18 gradi per 96 ore. Nel caso si dovrà essere certi che il frigorifero domestico sia capace di tale prestazione.