@trentaminuti > Storia > Fatti ed eventi storici > Solimano I detto il Magnifico per lo splendore della sua corte

Solimano I detto il Magnifico per lo splendore della sua corte

 Solimano I detto il Magnifico per lo splendore della sua corte
Ritratto di Solimano I detto il Magnifico

La storia certamente considera Solimano I, detto il Magnifico per lo splendore della sua Corte, come il Sultano più importante del mondo ottomano. Seppe portare il suo impero al massimo fulgore.

Amante delle arti e delle lettere innovò Costantinopoli, capitale del suo regno, facendola diventare il principale polo intellettuale del mondo islamico. Tuttavia Solimano il Magnifico non fu solo un fine uomo colto ma anche un abile condottiero.

Durante il suo regno, Solimano I il Magnifico conquistò nuove terre, ampliando i confini del suo impero. Condusse più volte la sua celebre flotta navale verso eroiche vittorie, anche se contro Malta, dopo un’acerrima battaglia, dovette cedere. Ciò non toglie che per le sue imprese e per il suo governo, la persona di Solimano il Magnifico, rimane come il punto di svolta della storia del mondo ottomano.

Dello stesso autore potrebbe interessarti: L’assedio di Vienna del 1683 da parte degli Ottomani

Indice

Gli Ottomani: il fratricidio come strumento di successione

Chiunque sia fra i miei figli ad ereditare il trono, è d’uopo che egli uccida i suoi fratelli nell’interesse dell’ordine mondiale”: così decretò il sultano Mehmet II “il Fatih”, che nel 1453 aveva guadagnato al mondo ottomano la città di Costantinopoli.

E fu proprio lui che per primo mise in pratica questa regola, mandando a morte due suoi fratelli che gli si erano rivoltati contro. Il nipote Selim I fece ancora meglio, perché oltre a due fratelli fece giustiziare anche tre figli e quattro nipoti.

Il fratricidio infatti, sebbene costituisca un crimine orrendo se visto con gli occhi di oggi, rimase per secoli una pratica non solo di uso comune, ma persino consigliata dai giuristi del mondo ottomano, in nome del superiore interesse di evitare le possibili guerre civili fomentate da questo o quel principe ribelle.

In quel mondo tanto lontano nel tempo e diverso dal nostro, il trono apparteneva a chi riusciva nell’ardua impresa di conquistarselo per primo, anche perché ciò era segno, agli occhi dei più, del fatto che egli godesse del favore divino.

Pertanto, i numerosi figli generati dal sultano in carica che, come uno stallone di razza, “copriva” le tante concubine del suo harem privato, partivano solitamente dallo stesso livello, senza vincoli di primogenitura, nella competizione per la successione imperiale, per vincere la quale dovevano farsi largo con ogni mezzo, a spese di tanti congiunti meno scaltri o fortunati di loro.

Solimano I il Magnifico: diciotto congiunti uccisi per diventare Sultano

Questo però accadeva se il padre non aveva già spianato la strada al suo favorito, con una mattanza preventiva. Non diversa dalle altre fu la presa del potere, avvenuta il 30 settembre del 1520, da parte di Solimano I, bisnipote del “Fatih”, che per potersi fregiare (fra gli altri) dei titoli di “Sultano dei sultani, sovrano dei sovrani, dispensatore di corone ai monarchi del globo, ombra di Dio sulla terra ed Imperatore del Mondo”, di fratelli, fratellastri e congiunti vari (due figli inclusi) dovette eliminarne ben diciotto.

Solimano ereditava dal padre Selim I un Impero che già si allargava dal Nord Africa sino ai Balcani ed al Mar Nero, ma riuscì a portarlo al suo apogeo in termini d’estensione territoriale, con la conquista dell’Ungheria, l’assedio di Vienna nel 1529 (impresa però non riuscita per l’eroica resistenza della città) e la trasformazione del Mediterraneo in una sorta di “lago ottomano”.

Solimano I detto il Magnifico: incoronato alla maniera occidentale

Fu il primo sultano a sedersi regalmente su un trono alla maniera occidentale, dopo aver abbandonato la pratica dei suoi predecessori di starsene su un tappeto a gambe incrociate, alla moda beduina. La sua sala del trono doveva fungere da specchio della potenza e della ricchezza di cui godeva, per impressionare gli ambasciatori, e pertanto rifulgeva come uno scrigno ricolmo di gioielli, oro e pietre preziose d’inestimabile valore.

Solimano I detto il Magnifico per lo splendore della sua corte
Solimano il magnifico a corte

Le tre regole di Solimano I: etichetta, silenzio e abbigliamento

In quell’ambiente a metà strada fra l’umano ed il divino l’aurea di maestà che l’ammantava si fondava su tre regole: l’etichetta, il silenzio e l’abbigliamento. In primis, visir ed ambasciatori vari dovevano prostrarsi tre volte prima di potergli baciare il ginocchio o l’orlo del caffettano, né potevano rivolgergli le spalle o sedersi in sua presenza, dovendo piuttosto restare in piedi con le mani giunte.

Il silenzio era d’obbligo e Solimano iniziò a ricevere ministri e diplomatici senza proferire parola, lasciando che le comunicazioni fossero fatte in forma scritta o preferibilmente a gesti. Quanto all’abbigliamento, il caffettano di velluto, raso o broccato di seta era la norma, con l’aggiunta di un quantitativo crescente di fili in oro a seconda del rango di chi l’indossava.

Solimano I: il Magnifico per lo splendore della sua corte

Meritato dunque fu il soprannome di “Magnifico” che Solimano si guadagnò per lo splendore della sua corte, che egli fece fiorire anche con le arti e le lettere, trasformando l’antica Costantinopoli nel principale centro intellettuale dell’Islam. In campo militare, scottato dalla sfortunata spedizione in terra d’Austria, preferì poi affrontare il suo acerrimo nemico, l’Imperatore Carlo V, nelle acque del Mediterraneo, contando anche sull’interessato aiuto dei più indisciplinati fra i suoi sudditi: i pirati barbareschi di stanza sulle coste nordafricane.

Le imprese militari di Solimano il Magnifico

Solimano I detto il Magnifico per lo splendore della sua corte
Solimano I e l’assedio di Malta

Le predatorie imprese di lupi di mare quali Kaid Alì, il “Barbarossa”, Dragut ed “Uccialì” (alias il rinnegato calabrese Giovanni Battista Galeni), a malapena contrastati da quella “vecchia quercia” che fu il genovese Andrea Doria, caratterizzarono buona parte del XVI secolo e costituirono una costante spina nel fianco per le città costiere della nostra penisola, specie sul lato tirrenico, anche perché gli Ottomani poterono contare sull'”empia alleanza” che univa il loro sultano a Francesco I di Francia, il “Re Cristianissimo” che però non si vergognava di trescare con gli infedeli in chiave antiasburgica.

Il primo vero dispiacere a Solimano lo diedero i Cavalieri dell’Ordine Ospedaliero di San Giovanni che, sotto la guida del Gran Maestro Jean Parisot de la Valette, nel 1565 riuscirono a resistere, asserragliati nelle loro fortezze maltesi per ben 115 giorni, alle soverchianti forze ottomane, che alla fine furono costrette a ritirarsi.

La morte di Solimano I il Magnifico

Quando morì per un colpo apoplettico all’età di 72 anni, il 4 settembre del 1566, Solimano si trovava ancora una volta al seguito delle sue truppe, nei Balcani. Per lasciare a suo figlio Selim II il tempo necessario per disbrigare le solite pratiche successorie (cioè: lo strangolamento dei fratelli) il Gran Visir ordinò che il suo corpo fosse imbalsamato, sistemato nel cocchio imperiale e ricondotto in patria come se fosse stato ancora in vita.

Il silenzio cui aveva abituato tutti, certamente, facilitò il buon esito dell’operazione.

Bibliografia: “Costantinopoli – Splendore e declino della capitale dell’Impero Ottomano” di Philip Mansel, ed a “L’Ultima Crociata” di Arrigo Petacco.