@trentaminuti > Storia

Categoria «Storia»

La “Unam Sanctam” di Bonifacio VIII

La “Unam Sanctam" di Bonifacio VIII

Il 18 novembre (festività della dedicazione delle Basiliche dei Santi Pietro e Paolo) il cerimoniale pontificio medioevale prevedeva la celebrazione dei “processi generali” contro i ribelli della Chiesa. Nel 1302 l’occasione era particolare, perché Papa Bonifacio VIII aveva per il precedente giorno d’Ognissanti convocato un concilio con l’intento di puntellare il suo primato, seriamente attaccato …

Maria I Tudor d’Inghilterra: breve biografia della Regina detta “la sanguinaria”

Maria I Tudor d’Inghilterra: breve biografia della Regina detta “la sanguinaria”

“Sanguinaria”, “malefica”, “rabbiosa”: alle prime luci dell’alba del 17 novembre 1558 questi erano gli appellativi che circolavano sottovoce al capezzale di una donna che si stava spegnendo a soli 42 anni d’età, ridotta ad uno scheletro col ventre innaturalmente rigonfio da un tumore all’utero che la consumava ormai da mesi. Eppure ebbe ancora la forza …

Tiberio: biografia essenziale

tiberio biografia essenziale

“Quoniam atrox Fortuna Gaium et Lucium filios mihi eripuit, Tiberius Caesar ex parte dimidia sextante heres esto” (“Poiché l’atroce sorte mi ha rapito i figli Gaio e Lucio, sia mio erede per due terzi Tiberio Cesare”): così, nel testamento da lui consegnato alle Vestali nel 13 d.C., cioè un anno prima di morire, Augusto si …

La fuga di Pio IX a Gaeta

La fuga di Pio IX a Gaeta

ll clima che si respirava a Roma nel mese di novembre del 1848 era a dir poco avvelenato: dall’inizio di quell’anno, così tempestoso per i venti rivoluzionari che avevano preso a soffiare in tante parti d’Europa, alla guida del governo pontificio s’erano succeduti in rapida serie ben sei primi ministri, il più famoso dei quali …

Il Concilio di Costanza e la fine del grande Scisma d’Occidente

Il concilio di Costanza: la fine dello Scisma d’occidente della Chiesa

L’11 novembre del 1417, rinchiusi da quattro giorni nello scomodo “Kaufhaus am Hafen” (“Magazzino sul porto”) della cittadina imperiale di Costanza, affacciata sul lago omonimo, 53 uomini cercavano di difendersi dal freddo già pungente di quella giornata autunnale e di far fronte ai disagi della loro sistemazione. Trovare un alloggio decente anche al di fuori …

Amelia Elizabeth Dyer: la serial killer inglese più prolifica

Amelia Elizabeth Dyer: la serial killer inglese più prolifica

Pur essendo stata condannata per un solo omicido a Amelia Elizabeth Dyer sono attribuiti centinaia di infanticidi. Soprannominata Jill la squartatrice perché agi nello stesso periodo del suo famoso “collega” Si rimane sempre colpiti quando si leggono le vicende di omici seriali, la cosa che desta scalpore nella storia di Amelia Elizabeth Dyer, la serial …

La famiglia Farnese: gli esponenti più illustri

Famiglia farnese

Il nome Farnese da secoli evoca arte e raffinatezza, ma anche intrighi e giochi di potere. Da un lato infatti è collegato a meraviglie quali l’omonimo Palazzo romano, ora sede dell’Ambasciata di Francia, alla Villa di Caprarola, famosa per la sua forma pentagonale ed il suo scalone elicoidale, alla bellissima Chiesa romana del Gesù, ma …

Cicerone, Catilina ed il “Quousque”

Nel pomeriggio del 7 novembre del 63 a.C. fu pronunciata di fronte al Senato al completo forse la più celebre orazione politica della storia di Roma, quella in cui il console Marco Tullio Cicerone investì il suo avversario politico tuonando col famoso incipit: “Quousque tandem abutere, Catilina, patientia nostra?” (“Fino a quando, Catilina, abuserai della …

La Congiura delle Polveri nell’Inghilterra del seicento

la congiura delle polveri nell'inghilterra del seicento

“Remember, remember the 5th of November / the Gunpowder treason and plot”. Al canto di questa filastrocca nelle campagne e nelle città del Regno Unito da circa 400 anni questa sera si festeggia la “Bonfire night”, nel corso della quale viene bruciata in cima a grandi falò l’effigie di Guy Fawkes, diventata famosa perché usata …

Prima guerra mondiale: la vittoria dell’Italia dopo Caporetto

Prima guerra mondiale: la vittoria dell’Italia dopo Caporetto

“I resti di quello che fu uno dei più potenti eserciti del mondo risalgono in disordine e senza speranze le valli, che avevano disceso con orgogliosa sicurezza”. Con questa frase, non priva di retorica, si concluse il “Bollettino della Vittoria” diramato alle ore 12,00 del 4 novembre del 1918 dal Generale Armando Diaz, Capo di …