@trentaminuti > Salute e benessere > I richiami alimentari del 2017 > Tranci di pesce spada scongelato con mercurio – allerta alimentare

Tranci di pesce spada scongelato con mercurio – allerta alimentare

tranci di pesce spada scongelato contaminato con istamina

L’allerta lanciato dal RASFF riguarda tranci di pesce spada scongelato contaminato con mercurio. Il rischio per la salute, secondo l’agenzia europea, è definito serio. L’allerta per il pesce spada pericoloso è stato emanato con documento n. 2017.2217 del 27 – 12 – 2017.

Per il prodotto è stato disposto il richiamo dal mercato. L’origine del pesce spada con mercurio è l’Italia, il prodotto ittico è stato poi distribuito in spagna. Sono in corso controlli sui mercati per identificare i lotti pericolosi.

Essendo pescato in Italia il pesce spada contaminato con mercurio è probabilmente presente sul territorio nazionale. Trattandosi di un prodotto scongelato può essere in distribuzione a peso sui banchi degli esercizi commerciali che trattano pesce al dettaglio e non preconfezionato.

Naturalmente, per legge, deve essere dichiarata l’origine del prodotto; se pescato fresco o decongelato. In quest’ultimo caso i consumatori sono invitati a prestare attenzione poiché potrebbe trattarsi dell’articolo in questione.

I tranci di pesche spada scongelato, al campionamento eseguito il 21 dicembre scorso, hanno rilevato tracce di mercurio in quantità pari a 1.7 mg/kg – ppm. Dose tale da far considerare il prodotto tossico per la salute. Essendo  già stato distribuito è stato disposto il ritiro dal mercato ed è stata bloccata la distribuzione dell’alimento. Tuttavia potrebbe essere ancora presente sui banchi di vendita. Si raccomanda quindi attenzione da parte dei consumatori.

Tranci di pesce spada scongelato con mercurio: i rischi per la salute

Il mercurio è un metallo pesante altamente nocivo per la salute. La sua tossicità è documentata da diverse fonti e in diverse epoche della storia. I sintomi da intossicazione acuta sono prevalentemente neurologici. Nelle donne in gravidanza può indurre danni al feto. Gli effetti da intossicazione da mercurio sono tremori, allucinazioni, danno renale, neurotossicità a livello della corteccia cerebrale  e del cervelletto. Sono state riscontrate anche alterazioni dei movimenti, debolezza muscolare, perdita della vista e dell’udito. Naturalmente si tratta di sintomi estremi ma danno la misura della tossicità del mercurio.