@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > Vittorio Emanuele II: breve biografia e storia del primo Re d’Italia

Vittorio Emanuele II: breve biografia e storia del primo Re d’Italia

Vittorio Emanuele II primo Re d'Italia

Per la storia il primo Re d’Italia, Vittorio Emanuele II nacque il 14 marzo del 1820, nel Palazzo Carignano di Torino, figlio primogenito di Carlo Alberto e di Maria Teresa d’Asburgo-Lorena.. Per certe malelingue però, D’Azeglio compreso, quel bimbo sarebbe morto due anni e mezzo più tardi nel rogo accidentale della sua culla al Poggio Imperiale di Firenze, città dove il padre era stato spedito in temporaneo esilio dallo zio Vittorio Emanuele I per redimersi dalla “colpa” di aver firmato la Costituzione del 1821.

Il rogo della culla del futuro Re: i dubbi sulla sua morte

La sera del 16 settembre del 1822, in effetti, la sua balia nel goffo tentativo di scacciare con una candela accesa le zanzare che lo infastidivano, aveva dato fuoco alla zanzariera in tulle che ne copriva il lettino, rimanendo poi gravemente ustionata ella stessa, tanto da morire per le bruciature un paio di settimane più tardi, perché per cercare di spegnere le fiamme si era trasformata in una torcia umana.

Se secondo la versione ufficiale sabauda il bambino riportò solo quale leggera scottatura, venendo salvato dai servitori richiamati dalle urla della poveretta, per quella ufficiosa morì nell’incidente ed il suo posto fu preso dal figlio del macellaio fiorentino Tanaca che, avendo la stessa età, gli fu sostituito.

Queste chiacchiere furono presto messe a tacere, fra l’altro, dalla considerazione che sua madre all’epoca aveva appena 19 anni, era già incinta del secondogenito Ferdinando che sarebbe nato di lì a pochi mesi e pertanto non ci dovevano essere preoccupazioni per la successione dinastica, vista la possibilità per la coppia principesca di avere altri eredi.

Tuttavia col passare degli anni fu chiaro a tutti che l’aspetto fisico di Vittorio Emanuele era molto diverso da quello degli altri componenti del gruppo familiare: tarchiato, rotondetto e di colore rubizzo, pareva più un popolano che un aristocratico, contrariamente al padre, alla mamma ed al fratello che invece erano tutti alti, biondi e di carnagione chiara.

Potrebbe interessarti: Francesco Sforza: breve biografia del primo Duca di Milano

La personalità e l’educazione del futuro sovrano d’Italia

La personalità però non gli mancava e fu quella che gli permise di resistere all’educazione opprimente cui fu sottoposto sin da bambino. Privato dell’affetto del babbo (un uomo gelido ed incapace di indulgere in attenzioni familiari, che non gli fece mai una carezza concedendogli solo un paio di volte al giorno un veloce bacio della mano accompagnato dal solito “ça suffit!”), poteva rendere una sola visita quotidiana alla mamma e per il resto della giornata viveva rinchiuso nel Castello di Racconigi, affidato ad una serie di precettori composti da vecchi parrucconi ed abati che lo torturavano con orari, lezioni ed esercitazioni più adatte ad una caserma o ad un seminario, che ad un fanciullo.

A quel clima opprimente Vittorio Emanuele si sottrasse con la sua esuberanza fisica ed una quasi totale chiusura intellettuale a tutto quanto rappresentasse cultura e buone maniere. Imparò bene il francese, ma non altrettanto l’italiano che avrebbe parlato e scritto per tutta la vita con difficoltà e non senza qualche strafalcione grammaticale. Odiò il latino, considerato inutile, ed amò sempre esprimersi nel suo adorato dialetto torinese, che era poi la lingua che usava nei rari momenti di convivialità e svago: le cavalcate all’aria aperta, le battute di caccia, le serate a far bisboccia coi commilitoni, fra abbondanti bevute e battute salaci.

Le avventure galanti di Vittorio Emanuele II

Sposato senza voglia a 22 anni con la prima cugina Maria Adelaide d’Asburgo-Lorena, pur onorando il talamo nuziale non si fece mancare numerose avventure galanti, sopportate con santa pazienza e regale rassegnazione dalla moglie. Se, ad esempio, quella per la cantante Bon fu una semplice infatuazione, il rapporto con Rosa Vercellana, meglio nota come “la bela Rusin” (futura Contessa di Mirafiori) fu d’amore vero, allietato anche dalla nascita di due figli. Lei sola infatti riusciva a farlo sentire “a casa”, non torturandolo con la rigida etichetta di Corte e cucinandogli i piatti contadini di cui andava ghiotto, i soli che riuscisse davvero a gustare, tanto che nei pranzi ufficiali solitamente non toccava cibo, così lasciando a disagio i suoi commensali.

Un uomo assolutamente “normale”, dunque, nominato Duca di Savoia già da ragazzo e come tale chiamato a comportarsi, seppure “obtorto collo”. Sempre tenuto all’oscuro degli affari di Stato, perché “in Casa Savoia si regna uno alla volta”, fu informato nel 1848 da un generale (e non dal padre) che c’era una guerra in arrivo. A distanza di poche settimane, eccolo alla testa della sua Divisione, a Goito e Pastrengo, a caricare gli Austriaci, impavido e con sommo sprezzo del pericolo, tanto da infondere nei suoi soldati quel coraggio che invece il padre, con la sua tetra rassegnazione, sapeva soltanto togliere.

Potrebbe interessarti: I Longobardi: origine e storia degli uomini dalle lunghe barbe

L’abdicazione di Carlo Alberto: Vittorio Emanuele II diviene Re di Sardegna

Dopo la disfatta patita dalle truppe sabaude a Novara e l’abdicazione di Carlo Alberto, il 23 marzo del 1849 Vittorio Emanuele II divenne Re di Sardegna in circostanze drammatiche per i suoi Stati, ma riuscì comunque a far buona impressione sul plenipotenziario austriaco Radetzky che, giudicandolo “un bravo giovane” ed “un uomo orgoglioso” alla fine gli concesse un armistizio non disonorevole per il Piemonte.

L’unità d’Italia con Vittorio Emanuele II

Dieci anni più tardi, dopo aver dichiarato davanti al parlamento subalpino di “non poter restare insensibile al grido di dolore che da tanta parte d’Italia si alza verso di noi”, sempre da Novara alla testa delle sue truppe e col sostegno dei Francesi comandati da Napoleone III avrebbe nuovamente varcato il Ticino verso est per portare a compimento il sogno risorgimentale dell’Unità d’Italia.

Potrebbe interessarti: 17 marzo: anniversario dell’unità d’Italia, riflessioni dai docenti

Strano che dei quattro protagonisti di quell’epopea proprio il “Padre della Patria” sia il meno noto e considerato. Eppure Vittorio Emanuele II fu davvero un sovrano popolare, quale nessun Savoia Re d’Italia sarebbe stato dopo di lui, non solo per coraggio personale, affabilità e buon senso, ma anche per il bilancio dei suoi ventinove anni di regno: l’Italia unificata, lo Statuto conservato, un sistema politico ed istituzionale comunque avviato, nel bene come nel male.