@trentaminuti > Salute e benessere > I richiami alimentari del 2020 > Zuppa di legumi ritirata dal commercio per presenza di botulino

Zuppa di legumi ritirata dal commercio per presenza di botulino

zuppa di legume ritirata dal commercio

“sospetta presenza di botulino” con questa motivazione il ministero della salute, in data 21/05/2020, ha disposto due richiami per altrettante zuppa di legumi e cereali, naturalmente ritirate dal commercio. I richiami in questione sono legati a un precedente provvedimento nel quale cambia solo la marca del preparato mentre numero di lotto e produttore sono gli stessi.

Il botulino è un batterio, pertanto i due provvedimenti hanno ricevuto la classifica di “richiamo per rischio microbiologico”. Peraltro, con il botulino non si scherza, se un consumatore venisse intossicato andrebbe incontro a serie conseguenze per la propria salute.

Zuppa di legumi ritirata dal commercio: i dettagli

I provvedimenti di ritiro dal commercio, della zuppa di legumi e cereali sono due, i marchi dei prodotti sono diversi; Zerbinati e Consilia. Per il resto, tutte le altre caratteristiche dei provvedimenti sono uguali. Si tratta di prodotti pronti all’uso, in particolare zuppa con legumi e cereali con numero di lotto 20-113 e scadenza 1 giugno 2020.

Sono vendute in confezioni del peso di 620 grammi per la zuppa Consilia mentre la vaschetta Zerbinati è di 310 grammi. Il produttore è lo stesso: l’azienda Zerbinati Srl di Borgo San Martino (Alessandria). Pertanto, il preparato proviene dagli stessi stabilimenti.

Botulino negli alimenti: i rischi per la salute

ll botulino è un microrganismo patogeno, in particolare un batterio,  il quale è responsabile di una pericolosa patologia denominata botulismo. La sindrome da botulismo è molto grave e può essere anche letale. Si tratta di un’intossicazione che si manifesta in fasi; inizia con diarrea, dolori addominali e vomito. Con il tempo i sintomi degenerano in difficoltà respiratoria, paresi fino ad arrivare al decesso.

Considerando i rischi per la salute, l’invito ai consumatori e di prestare attenzione al lotto di zuppa di legumi segnalata. Nel caso si fosse acquistata va restituita e non deve essere assolutamente consumata.